Covid, Zaia: “Possibile picco a metà novembre”  

Pubblicato da in data 1 Novembre 2020

Covid, Zaia: Possibile picco a metà novembre

(Fotogramma)

Pubblicato il: 02/11/2020 14:18

“Secondo le nostre previsioni il picco della diffusione del coronavirus sarà a metà novembre. Si tratta solo di previsioni ma basandoci su quanto avvenuto nelle pandemie precedenti, come quella della ‘spagnola’ nel 1918-19: tutte hanno un esordio, un picco ed una decrescita e questo processo dura in media dai 70 ai 90 giorni. Anche a marzo l’epidemia è scoppiata il 21 febbraio e abbiamo avuto il picco il 29 marzo a cui è seguita una discesa”. Lo ha sottolineato il presidente del Veneto Luca Zaia oggi nel corso del punto stampa.

“Se così fosse anche per questa seconda ondata del Covid, iniziata l’8 ottobre, vorrebbe dire che potremmo pensare a un picco intorno al 15-20 novembre. Questa previsione è stata fatta considerando lo status quo ma non, ovviamente, le eventuali prossime misure restrittive. Se continuasse così -ha spiegato il governatore del Veneto- ci attesteremmo comunque ad un picco inferiore rispetto a quello di marzo- ma -ha tenuto ad avvertire Zaia- il condizionale è d’obbligo perché l’evoluzione del virus è molto variabile”.

Zaia ha comunque assicurato che “in questo momento non siamo assolutamente nelle stesse condizioni di marzo in cui è stato necessario un lockdown“. “D’altra parte -ha spiegato- nel corso della riunione tra Stato e Regioni non se n’è assolutamente parlato”. Zaia ha poi tenuto a sottolineare come “oggi non ci sono assolutamente i presupposti epidemiologici per un lockdown come quello della scorsa primavera” e ha aperto ad una possibilità “di misure restrittive locali”.

“La mia posizione è chiara no a restrizioni per le attività produttive, invece servono misure per contenere gli assembramenti”, ha ribadito il governatore del Veneto sottolineando che “le misure contenute nell’ultimo Dpcm come la chiusura dei ristornati, hanno dimostrato che non servono a nulla. Lo dimostrano i dati. Perché si sono chiusi i ristoranti dove le regole erano rispettate e si sono spostate le persone in situazioni ‘fai da te’, senza alcuna regola”.

Zaia ha infine assicurato che non c’è stato “nessun braccio di ferro con il governo. Questa mattina nella riunione con le regioni il clima era più che tranquillo. Il governo poi non ha fatto alcuna proposta concreta. Ogni presidente ha presentato la situazione della propria regione. E la nostra posizione è che il governo, dopo la discussione in Parlamento, questa sera ci presenti la sua proposta da discutere. Non c’è dubbio che è necessario un provvedimento a livello nazionale, poi, ogni regione prenderà le misure che ritiene necessarie nella sua realtà”.

Zaia ha fatto l’esempio di una misura nazionale che è quella “della scuola, che è di competenza del governo. Da parte nostra -ha spiegato- abbiamo chiesto che, qualora ci fosse la didattica a distanza per tutti gli studenti che restano a casa, sia garantito il congedo parentale al cento per cento per il genitore e misure di compenso per i lavoratori autonomi”.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background