Nuovo Dpcm, Dadone a governatori: “nessuna scelta arbitraria sulle zone covid” 

Pubblicato da in data 4 Novembre 2020

Nuovo Dpcm, Dadone a governatori: Nessuna scelta arbitraria sulle zone covid

Fabiana Dadone, ministro per la Pa

Pubblicato il: 05/11/2020 18:19

Nessuna discrezionalità o arbitrio politico ma misure automatiche”. Ad affermarlo è il ministro per la Pa Fabiana Dadone in un’intervista all’Adnkronos in merito alla classificazione delle zone di gravità Covid in rosse, arancioni e gialle, decise dal governo nel nuovo Dpcm.

Dadone replica così alle accuse provenienti da diversi governatori, laddove se le regioni rosse e arancioni protestano per le troppe restrizioni, qualcuno ritiene la zona gialla troppo soft. Il criterio “si basa su parametri oggettivi che le stesse Regioni hanno contribuito a fissare e su dati che da esse affluiscono. A valle dei dati, non c’è discrezionalità o arbitrio politico, ma misure automatiche”. E aggiunge, “in questo momento tarare interventi con gradazioni diverse ci consente di tenere conto delle diverse realtà epidemiologiche sul territorio. Nessuno è stato penalizzato o avvantaggiato in base a scelte estemporanee, il dialogo e la collaborazione istituzionale sono la stella polare che guida le decisioni del Governo”.

Quanto ai prossimi ristori che l’esecutivo si accinge a stanziare in un nuovo decreto, Dadone assicura che “si stanno prendendo in considerazione tutti i codici Ateco e tutte le attività colpite da questa nuova stretta”. E dunque, in merito anche alle conseguenze che potrà avere l’ulteriore spinta all’utilizzo dello smart working nel settore pubblico e nel privato sulle entrate dei pubblici esercizi, quali bar, rosticcerie, ristoranti, dove abitualmente si consuma la pausa pranzo. “Lascio ai ministri competenti la definizione del decreto, – aggiunge – sappiamo che abbiamo un margine entro il livello di deficit fissato e che queste risorse potrebbero bastare. In ogni caso, come ha detto il presidente del Consiglio, saremmo eventualmente pronti a chiedere al Parlamento di poter allargare i saldi di finanza pubblica per ristorare le categorie che ne avessero bisogno”. (di Cristina Armeni)


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background