“Covid mi ha tolto cure anticancro e operazione salvavita”, la storia 

Pubblicato da in data 6 Novembre 2020

Covid mi ha tolto cure anticancro e operazione salvavita, la storia

(Fotogramma)

Pubblicato il: 07/11/2020 15:51

“Sono Martina, ho 26 anni e 3 anni fa mi è stato diagnosticato un cancro al colon metastatico. Oggi denuncio la situazione negli ospedali lombardi, cioè in zona rossa”. Esordisce così Martina, in un video su Instagram. Racconta la sua storia di paziente oncologica ai tempi della pandemia di Covid-19. Le cure che diventano percorsi a ostacoli, chance importanti per il futuro, come la conservazione degli ovuli, cancellate. Visite e interventi salvavita che saltano.

Una testimonianza che finisce in un appello: “L’attività chirurgica è sospesa negli ospedali, capite? Un intervento come il mio potrebbe essere salvavita, ma non ci sono solo io. Parlo per me, ma credo di dar voce a tante persone che sono nella mia situazione: ci vengono annullati gli interventi, ci vengono tolte le visite, la situazione è grave. Quando dite ‘questa è un’influenza’, ‘ma io sono giovane’, dovete pensare che vostra sorella, vostra mamma o vostro nonno, insomma le vostre famiglie, possono aver bisogno di cure mediche non per il Covid. C’è tanto altro e il sistema sanitario è talmente in sofferenza che non può curare”, dice Martina Luoni, che da tempo condivide la sua esperienza di lotta contro il tumore.

Martina ripercorre le tappe della sua malattia: “A 23 anni mi è stato diagnosticato un cancro con metastasi al fegato. Ero guarita, ma a dicembre 2019 è emerso che la malattia non era scomparsa, aveva ripreso a correre”. Parte un altro calvario. “La macchina si mette in moto a marzo 2020 – racconta Martina – quando è esploso Covid e siamo finiti in lockdown. Il sistema sanitario ha cominciato a soffrire. Durante il periodo partito a marzo, non ho potuto fare quasi nessuna visita specialistica in compagnia dei miei genitori, perché si preferisce far entrare solo il paziente ai colloqui, e noi malati veniamo isolati ulteriormente. Il calvario continua anche oggi”.

Un ospedale, prosegue la testimonianza della ragazza, “non mi ha neanche preso in cura, non so se per motivi legati alla mia patologia o perché sovraccarichi dalla situazione. Inizio la radioterapia e dovevo iniziare anche la chemio. Prima di tutto questo, mi ero rivolta al San Raffaele per propormi per fare la conservazione ovarica. Era tutto programmato, avevo la visita. Due ore prima mi chiamano per dirmi che gli ambulatori erano chiusi causa Covid. Mi è stata tolta, non per colpa del San Raffaele ma per la pandemia, l’opportunità di conservare i miei ovuli. Non so come andrà avanti la mia situazione, ma se un giorno dovessi aver bisogno di questi ovuli io non li ho, perché gli ambulatori hanno chiuso”. Ecco come Sars-CoV-2 travolge anche gli altri malati, ruba il futuro.

“Una volta scartata questa ipotesi – continua il racconto di Martina – inizio i cicli” delle terapie, “finisco e rifaccio i controlli e arriviamo a oggi. Mi avevano prospettato che non era indicato operare nel mio caso”. Forse però non è così. C’è una speranza. “Forse si può operare e mercoledì ho fatto il pre-ricovero. Oggi ho consegnato gli ultimi esami per confermare o meno la situazione e mi è stato detto che l’attività chirurgica è sospesa negli ospedali. Capite?”, chiede accorata la ragazza.

Si parla tanto di rischio di dover “scegliere chi mettere in terapia intensiva e chi no. Ma, secondo voi – incalza Martina nel video – annullare le operazioni, sospendere l’attività chirurgica, non è già una scelta?”. Tutto “perché la priorità è l’emergenza, ma non i singoli casi. Sapete quante diagnosi, quanta prevenzione è saltata quest’anno a causa di questo virus? Non so se la mia operazione si potrà fare o meno, ma questa vuole essere una denuncia. E non so neanch’io verso chi. Se contro il Governo, contro Fontana”, il governatore lombardo. “Non so con chi prendermela perché anche stare ai piani alti e prendere decisioni non è facile – ammette amareggiata – ma sicuramente non è la scelta giusta annullare gli interventi salvavita e mettere in pericolo delle persone che ce la stanno mettendo tutta per uscire da questa situazione”.

“Vi chiedo – conclude – di dar voce a me e a tutte le persone che sono nella mia situazione. Vorrei che questo mio messaggio arrivasse lontano. Covid è un problema per tutti quanti. La salute è importante per tutti e non possiamo far spegnere il sistema sanitario per la pandemia. Tutti dobbiamo aiutarci con i distanziamenti, con le mascherine. Dobbiamo rispettiamo le regole, perché stiamo andando al collasso. Credetemi: ne sto girando di ospedali, tanti. E sono tutti al collasso”.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background