Maltempo in arrivo, ecco dove e quando 

Pubblicato da in data 7 Novembre 2020

Maltempo in arrivo, ecco dove e quando

Pubblicato il: 08/11/2020 08:14

Nel corso della prossima settimana la dittatura dell’alta pressione avrà una fine e andremo incontro ad un periodo più movimentato e freddo. Il team del sito www.iLMeteo.it fa il punto della situazione, delineando la tendenza sulla base degli ultimi aggiornamenti a disposizione.

L’inizio della settimana vedrà ancora un tempo pienamente stabile e soleggiato su tutta l’Italia grazie alla presenza del vasto campo anticiclonico sempre ben saldo sul bacino del Mediterraneo. Attenzione però, vista la stabilità atmosferica e l’assenza dei venti faranno nuovamente la loro comparsa le nebbie, specie sulla Valpadana e nelle vallate interne del Centro. Queste condizioni metereologiche ci accompagneranno fino alla giornata di mercoledì 11 quando dai settori occidentali inizieremo a vedere le prime avvisaglie di una perturbazione, con un aumento della nuvolosità e qualche piovasco tra Piemonte, Liguria e Sardegna.

Giovedì 12 si concretizzerà la fine della dittatura dell’alta pressione con il definitivo ingresso di correnti più instabili ed umide di origine atlantica. Le piogge e i rovesci, anche sotto forma temporalesca, saranno appannaggio in particolare di Alpi occidentali, Liguria, Toscana e Sardegna. Qualche piovasco è atteso entro la serata anche sulle coste ioniche di Calabria e Sicilia.

Il peggioramento si estenderà nella giornata di venerdì 13 a buona parte delle regioni del Nord, con il rischio di forti precipitazioni specie su Lombardia, Veneto, Trentino Alto Adige, Friuli Venezia Giulia, Toscana e settori orientali liguri. Anche il weekend sembrerebbe piuttosto compromesso in particolare al Nord Est e poi anche al Centro Sud, con la possibilità di nuovi forti rovesci e un sensibile calo delle temperature.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background