Coronavirus: la ricerca, ‘su minori 4-15 anni lockdown provoca aumento peso e crisi collera’ 

Pubblicato da in data 8 Novembre 2020

Coronavirus, la ricerca: Su minori 4-15 anni lockdown provoca aumento di peso e crisi di collera

Immagine di repertorio (Fotogramma)

Pubblicato il: 09/11/2020 16:01

Aumento di peso, crisi di collera e apatia. La pandemia di coronavirus sta causando effetti devastanti sull’anima, oltre che sul corpo delle persone sottoposte a restrizioni della loro libertà. Un disagio che si sta facendo sentire soprattutto fra più giovani, ossia fra i bambini e i ragazzi tra i 4 e i 15 anni. Ne sa qualcosa la dottoressa Alexia Di Filippo, tra gli psicoterapeuti italiani più autorevoli in psicologia dell’età evolutiva, che ha realizzato una ricerca scientifica su 22 minori italiani tra i 4 e i 15 anni appartenenti a 18 nuclei familiari, tra cui una famiglia residente nel Regno Unito, valutando gli effetti del lockdown sulle modificazioni delle abitudini sociali e del tono dell’umore.

“Dall’inizio della pandemia – spiega la dottoressa – sono stata coinvolta dai media per fare corretta informazione, nonché prevenzione del contagio emotivo e del panico di massa su bambini e adolescenti” spiega la dottoressa. La testata scientifica Stateofmind.it ha appena pubblicato i risultati di una mia ricerca basata sulle risposte fornite dai genitori dei minori a un questionario di 46 domande per valutare le modificazioni delle abitudini, del tono dell’umore e delle modalità di comunicazione dei figli, corredata dall’ analisi dei disegni effettuati dai bambini e dai ragazzi durante la quarantena”.

Dai risultati del questionario è emerso che il 22% dei soggetti coinvolti ha manifestato la tendenza a nutrirsi troppo o male (in prevalenza nella fascia d’età 8-10 anni), il 32% è aumentato di peso, soprattutto i maschi, mentre il 36% desiderava ricorrere ai videogiochi più di prima e ha chiesto di usare lo smartphone con molta più frequenza”.

Ma non è tutto. “Il 18% dei bambini/ragazzi ha manifestato stati di tristezza e apatia in misura maggiore rispetto al periodo anteriore al confinamento, mentre il 27% dei soggetti (tutti al di sotto dei 10 anni di età) ha avuto crisi di collera”. Gli esiti dell’indagine condotta dalla dottoressa Di Filippo sono eloquenti: “La quarantena ha determinato mutamenti notevoli del tono dell’umore, delle abitudini alimentari, dell’uso delle tecnologie e dei comportamenti dei bambini e dei ragazzi coinvolti nello studio. Segnalo in particolare il dato sugli stati di tristezza e di apatia, che sommato a quello sulle crisi di collera, indica che quasi la metà del campione ha manifestato un deperimento emotivo al limite della depressione”.

Un capitolo essenziale della ricerca è inoltre dedicato all’impatto dell’uso delle tecnologie sulla psiche dei minori confinati connesso alla didattica a distanza: “Ho rilevato che i digital devices, seppure indispensabili per garantire una continuità relazionale e didattica a distanza, tendono a creare dipendenza nei minori specie nei più piccoli, come peraltro confermato dai genitori”. Circa il suo impegno per la prevenzione e il trattamento del disagio psichico la dottoressa afferma che, oltre alla sua attività di terapeuta e di divulgatrice, dal mese maggio ha provveduto a creare “occasioni pubbliche e gratuite di incontro allo scopo di condividere emozioni e vissuti perturbanti tra le persone con una quotidianità complicata dalla pandemia ”, ma sostiene di essersi altresì attivata attraverso il metodo da lei ideato, registrato e pubblicato su rivista scientifica, denominato Bioenergetidanza, allo scopo di far sperimentare alle persone cosí provate sia nella mente che nel corpo, un profondo benessere psicofisico.

Come spiega la psicoterapeuta: “Il metodo Bioenergetidanza frutto di anni di ricerca, si basa sugli esercizi di Bioenergetica di Alexander Lowen accompagnati, integrati e alternati da tecniche come il role playing, il movimento espressivo con la musica, il rilassamento profondo e tanto altro. Bioenergetidanza, i cui proventi sono stati da me interamente devoluti a strutture e progetti di assistenza all’altro sul territorio, é adatto a tutti e si é affermato con successo per aver suscitato in chi lo ha provato ‘gioia, energia liberazione, forza, fluidità, rilassamento’, per citare l’opinione dei partecipanti stessi”.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background