Covid, Ricciardi: “Chiudere le città e far rispettare regole” 

Pubblicato da in data 9 Novembre 2020

Covid, Ricciardi: Chiudere le città e far rispettare regole

Foto Afp

Pubblicato il: 10/11/2020 12:06

“È necessario chiudere le aree metropolitane dove la circolazione del virus è intensa. Per intenderci, laddove il valore Rt è più vicino al 2 che all’uno, e chiudere tutte le zone in cui questo indicatore è già superato. Spero di vedere i risultati, appunto, tra un mese. Se arrivano, saremo tutti contenti di evitare il lockdown nazionale”. Lo dice Walter Ricciardi, consigliere del ministro della Salute Roberto Speranza e ordinario di Igiene generale e applicata all’Università Cattolica di Roma, intervistato da ‘Il Messaggero’.

Visto che i comportamenti raccomandati per contrastare l’epidemia vengono elusi, a questo punto secondo Ricciardi “è necessario che le forze dell’ordine, sia a livello nazione che locale, intervengano e facciano rispettare le regole”. “Non c’è dubbio che le regole vanno rispettate, e nel caso non vengano rispettate devono essere erogate sanzioni. Credo che comunque i controlli debbano essere intensificati. È chiaro che la stragrande maggioranza degli italiani segue le regole, c’è purtroppo una minoranza, che però non è marginale ed è importante, che non lo fa. E a questa minoranza di cittadini va fatto capire che la loro condotta compromette il raggiungimento dei risultati, fa aumentare i contagi e quindi rende impossibile l’assistenza negli ospedali. Per cui, nel caso in cui il rispetto delle regole non avvenga in maniera spontanea e responsabile, è necessario che le forze dell’ordine, sia a livello nazione, quindi carabinieri, polizia, guardia di finanza, sia a livello locale, facciano rispettare le regole”.

A chi domanda se sia il caso di coinvolgere i militari dell’esercito per rafforzare i controlli, Ricciardi risponde: “Spero di no, però è chiaro che nel momento in cui noi vedessimo – come io credo vedremo – che nei prossimi giorni la curva dei contagi continuerà ad aumentare, le alternative sono due: o disporre un lockdown totale, oppure far rispettare queste regole”.

Meglio chiudere ora per poi eventualmente riaprire a Natale? “Avevo proposto che certe chiusure avvenissero all’inizio di ottobre -rimarca Ricciardi-. Quindi, a maggior ragione prima si fa, meglio è. Se chiudiamo adesso, i risultati dell’appiattimento della curva si vedranno tra due-tre settimane. E quindi arriviamo praticamente a Natale. Bisogna aspettare, essere pazienti e perseverare. Perché se facciamo interventi adesso, per i primi risultati servirà tempo”.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background