Lombardia zona rossa, Sileri: “Spero arancione o gialla tra 10 giorni” 

Pubblicato da in data 10 Novembre 2020

Lombardia zona rossa, Sileri: Spero arancione o gialla tra 10 giorni

(Fotogramma)

Pubblicato il: 11/11/2020 15:06

La Lombardia oggi è zona rossa, ma potrebbe diventare gialla o arancione tra 10 giorni. E’ la riflessione del viceministro Pierpaolo Sileri, che invita a eliminare le “chiacchiere” come quella secondo cui “le regioni cambiano colore” di rischio coronavirus “in base all’orientamento politico”.

I dati sulla situazione nelle varie regioni “vengono trasmessi quotidianamente, e se disgraziatamente in 2-3-4 giorni si dovesse avere una regione in cui c’è un netto peggioramento allora bisogna intervenire tempestivamente. Si può passare dal giallo all’arancione o al rosso, ma attenzione: vale anche il contrario”, dice, facendo un esempio e esprimendo un auspicio: quello che magari “fra 10 giorni una regione come la Lombardia, e io mi auguro che questo possa accadere, abbia un andamento tale da poter tornare a essere arancione se non addirittura gialla”.

Tornando a chi lamenta ‘colori’ decisi in base a logiche politiche, Sileri ripete che “io una cosa del genere non posso sentirla, e manca di rispetto ai miei colleghi medici e infermieri che rischiano di morire sul campo. Così come quando si dice che i numeri inviati” dalle Regioni “sono numeri modificati con dolo. Davvero non credo che sia così. Credo che vi sia anche una difficoltà nel raccogliere i dati, specie dove il virus corre di più”.

“Se su quei numeri dobbiamo controllare, controlliamo e controlleremo ancora di più”, assicura il viceministro. “Se ci si accusa nelle Regioni e anche a livello centrale di aver mancato qualcosa e di doverlo migliorare sono il primo a dirlo – puntualizza – ma non ci sto a creare un clima di panico e sfiducia nelle istituzioni. Questo non aiuta i cittadini e non aiuta i nostri sanitari sul campo. Le regioni – ribadisce Sileri – le facciamo rosse, arancioni o gialle a seconda dei numeri”, attraverso “un sistema sartoriale” grazie al quale “stiamo cercando, in un momento di crisi internazionale, di salvare l’Italia e gli italiani”.

La logica difesa dall’esponente M5S, medico, è quella di disporre “chiusure razionali in tempo utile per non arrivare a un lockdown nazionale. Aspettiamo di controllare i risultati di queste soluzioni sartoriali e cerchiamo di parlare meno”. I cittadini hanno bisogno di “notizie semplici e fruibili e di speranza, che non è solo il nome del mio ministro”, conclude.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background