Etiopia, Calzedonia sospende produzione per scontri Tigray, massima assistenza Farnesina 

Pubblicato da in data 12 Novembre 2020

Etiopia, Calzedonia sospende produzione per scontri Tigray, massima assistenza Farnesina

Abiy Ahmed

Pubblicato il: 13/11/2020 19:39

La fabbrica del gruppo Calzedonia nella regione etiopica del Tigray, dove è in corso un conflitto armato fra il governo centrale e le autorità locali, ha sospeso per il momento la produzione. Lo ha detto all’Adnkronos il responsabile della sicurezza del gruppo, Fabio Comini.

La fabbrica di produzione tessile-abbigliamento, “che impiega circa 2.000 lavoratori etiopi ed alcuni cittadini italiani”, si trova “a qualche chilometro dall’aeroporto della capitale della regione del Tigray, Macallé, non sappiamo se siano in corso scontri nell’area”, ha spiegato Comini. “La produzione è al momento sospesa anche per mancanza di energia elettrica, non possiamo fare previsioni di ripresa al momento”, ha aggiunto.

“Fin dalla mattina di mercoledì 4 novembre siamo entrati in contatto con l’Unità di Crisi del ministero degli Esteri e con la nostra ambasciata di Addis Abeba per gestire tutte le criticità sul campo, ottenendo immediata e massima assistenza, assistenza che sta proseguendo in questi giorni in modo continuativo ed estremamente professionale”, ha dichiarato Comini, riferendosi all’inizio della crisi.

“Da parte italiana abbiamo la massima assistenza e collaborazione, lavoriamo a stretto contatto e ci sentiamo più volte al giorno – ha riferito Comini – I cittadini italiani sono sei, di cui cinque dipendenti oltre ad un tecnico esterno, più un cittadino dello Sri Lanka, comunichiamo fin dal primo giorno con i loro familiari e contiamo di poterli evacuare con l’aiuto delle nostre Autorità appena le condizioni di sicurezza sul terreno lo consentiranno, confidiamo nei prossimi giorni“.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background