Vaccino Pfizer, Gismondo: “Vendita azioni non è buon segno” 

Pubblicato da in data 12 Novembre 2020

Vaccino Pfizer, Gismondo: Vendita azioni non è buon segno

Fotogramma

Pubblicato il: 13/11/2020 11:34

L’operazione fa pensare anche una persona ignorante in materia. Non è certo un buon segno, ma ovviamente lasciamo parlare di economia agli economisti“. Lo dichiara all’Adnkronos Salute la microbiologa dell’ospedale Sacco di Milano Maria Rita Gismondo, in merito alla vendita – da parte del Ceo di Pfizer Albert Bourla e della vicepresidente esecutiva Sally Susman – di azioni del gruppo nel giorno stesso in cui la compagnia americana ha annunciato l’efficacia al 90% del vaccino anti Covid-19 sviluppato in collaborazione con BionTech.

Già all’indomani della notizia sui dati relativi al candidato vaccino, la direttrice del Laboratorio di Microbiologia clinica, Virologia e Diagnostica delle bioemergenze del Sacco aveva affermato che “il vero, concreto raggio di luce” sul fronte delle armi farmacologiche anti-Covid era il via libera dell’americana Fda all’anticorpo monoclonale di Eli Lilly: “La prima terapia mirata” contro il coronavirus Sars-CoV-2, aveva sottolineato Gismondo, “in un panorama più che confuso di annunci su vaccini che funzionano e che poi cadono nell’oblio, e in un panorama di promesse che fanno bene solo alla Borsa, ma non certo alla salute dell’uomo“.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background