Livatino, cugino giudice: “Reddito cittadinanza al killer? Traditi dallo Stato” 

Pubblicato da in data 18 Novembre 2020

Livatino, cugino giudice: Reddito cittadinanza al killer? Traditi dallo Stato

Rosario Livatino (Foto Fotogramma)

Pubblicato il: 19/11/2020 19:23

Provo una forte delusione, mi sento tradito dallo Stato. Fatti come questi non onorano la memoria e il sacrificio di Rosario Livatino e di quanti hanno versato il sangue per questo Stato”. E’ lo sfogo di don Giuseppe Livatino, cugino e postulatore della causa di beatificazione di Rosario Livatino, il giudice ucciso il 21 settembre del 1990, dopo avere saputo che la famiglia di uno dei killer del magistrato ammazzato da Cosa nostra prendeva il reddito di cittadinanza. “Penso anche a tutte le altre defaillances delle istituzioni, agli scandali come questo. Tutto questo non va bene – dice don Livatino in una intervista esclusiva all’Adnkronos – non onora la memoria di mio cugino e di tutti coloro che hanno perso la vita per lo Stato, come Giovanni Falcone e Paolo Borsellino”.

“Un sacrificio – dice ancora don Giuseppe Livatino – che non è andato perduto, ma serve maggiore attenzione da parte dello Stato, serve più vigilanza”. A scoprire che anche la famiglia di uno degli esecutori dell’omicidio del giudice Rosario Livatino, condannato a sette ergastoli in via definitiva per omicidio, associazione per delinquere di stampo mafioso prende il reddito di cittadinanza sono stati i militari della guardia di finanza del Nucleo di Polizia economico-finanziaria di Agrigento che ha denunciato diverse persone ed eseguito il sequestro preventivo di otto card. Tutte le posizioni illecite emerse dagli accertamenti delle Fiamme gialle sono state segnalate all’Inps per la revoca e il recupero del beneficio economico. Secondo una prima stima degli investigatori, il danno per le casse pubbliche sarebbe di circa 110.000 euro.

“Serve un po’ più di attenzione rispetto al sangue versato e ai sacrifici fatti da questi uomini dello Stato – dice ancora don Giuseppe Livatino – non mi riferisco solo al reddito di cittadinanza percepito in maniera impropria da un killer. Ma parlo anche dell’utilizzo dei beni appartenuti alle cosche mafiose”. Per il cugino del giudice assassinato dalla mafia “ci sono delle falle, qualcosa che non funziona”.

“Abbiamo sentito anche la notizia di Libera Terra – aggiunge – anche lì otto anni di oppressione da parte di pastori che di fatto si erano impadroniti di terreni. Evidentemente va rivisto qualcosa, anche nel reddito di cittadinanza”. “Abbiamo visto al di là del reddito percepito dal boss molti servizi che ci dicono che con le card vanno a comprare vestiti, persino materiale pornografico. Insomma, ribadisco, c’è qualcosa che non funziona. Servono maggiori controlli”.

“Non possono essere sprecate le risorse dello Stato -dice ancora don Livatino – Anche Papa Francesco ha detto che c’è bisogno di lavoro ed non di reddito di cittadinanza. Forse dovremmo smetterla di inventarci soluzioni che possono servire a captare qualche voto da parte degli elettori. Sono strategie già viste e riviste e, tra l’altro, non efficaci per la ricerca del consenso”.

Intanto procede il processo di beatificazione di Rosario Livatino. “E’ a Roma dal 7 ottobre 2018 – dice don Livatino – so che stanno valutando le testimonianze”. Giovanni Paolo II aveva nel 1993 aveva definito Livatino, durante la sua visita ad Agrigento, “martire della giustizia e indirettamente della fede”. Quel giorno lanciò il suo anatema contro i mafiosi. E, intanto, uno dei suoi killer prendeva il reddito di cittadinanza. (di Elvira Terranova)


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background