Nessun evento trovato

Nessun evento trovato

Nessun evento trovato

**Violenza su donne: Guercio (Universities Network), ‘proteggiamo diritti bambine’**  

Violenza su donne, Guercio (Universities Network): Proteggiamo diritti bambine

Pubblicato il: 25/11/2020 19:06

Emerge “la necessità di creare un dibattito politico per proteggere i diritti delle bambine che sono i soggetti più vulnerabili specie nelle situazioni di conflitto”. A rilevarlo, parlando con l’Adnkronos, è Laura Guercio, del Coordinamento dell’Universities Network for Children in Armed Conflicts” in occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne. “Solo l’anno scorso le Nazioni Unite hanno riportato 25 mila violazioni contro i bambini in 21 situazioni di conflitto analizzate” sottolinea Guercio che oggi ha partecipato alla sesta edizione dei Med Dialogues 2020.

Questo significa, continua Laura Guercio “che nonostante gli strumenti legali internazionali esistenti, per la protezione delle bambine, ma ovviamente di tutti i minori, in conflitto armato vi è ancora la necessità di adottare azioni concrete ed effettive”. Per questo, “occorre che tutti gli stakeholders coinvolti, – istituzioni, mondo dell’associazionismo e comunità accademica – lavorino insieme per porre fine e prevenire le gravi violazioni subite dalle bambine e dai bambini durante i conflitti armati” sottolinea l’esponente del Coordinamento del Network, prima rete universitaria per la protezione dei minori vittime dei conflitti armati.

Il Network è stato presente oggi anche alla conferenza di lancio della sesta edizione dei Med Dialogues 2020: la Conferenza annuale sul Mediterraneo e Medio Oriente, organizzata dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e dall’Istituto Italiano per gli Studi Internazionali e Politici. Il Network ha recentemente lanciato la prima “Settimana accademica internazionale dedicata alla protezione delle bambine nei conflitti armati”, organizzata con il sostegno del Ministero degli Esteri. Un impegno, ricorda Guercio, “che prosegue per una Rete accademica internazionale volta a creare occasioni di riflessione scientifica sul tema dei minori vittime delle guerre attraverso attività di ricerca e didattica per promuovere la sensibilizzazione sul dramma vissuto dai bambini in situazioni di conflitto armato”.