Iran, scienziato assassinato: ira di Rohani 

Iran, scienziato assassinato: ira di Rohani

Afp

Pubblicato il: 28/11/2020 08:21

Teheran punta il dito per l’uccisione dello scienziato nucleare iraniano Mohsen Fakhrizadeh. Hassan Rohani tuona infatti contro le “mani cattive dell’arroganza globale e i loro mercenari sionisti”, mani “macchiate dal sangue di un altro iraniano”. In un messaggio diffuso tramite il sito web della presidenza iraniana, Rohani parla di “impotenza degli acerrimi nemici” della Repubblica Islamica e assicura che “il martirio” dello “scienziato diligente” Fakhrizadeh “non intaccherà la determinazione dei giovani e degli scienziati in Iran nel seguire la via della crescita scientifica”, anzi ne “rafforzerà la determinazione nel proseguire sulla strada di questo martire”.

Rohani denuncia quello che considera un “orribile incidente terroristico” che “arriva dopo le ripetute sconfitte dei nemici nella regione e in altri campi della politica”. “Senza dubbio – conclude il presidente iraniano – il ministero della Difesa colmerà il vuoto lasciato da questo grande scienziato”. L’Iran “non lascerà senza risposta” l’omicidio dello scienziato, ha poi assicurato Rohani durante una riunione della task foce coronavirus secondo quanto riporta l’iraniana Irib. Rohani ha poi aggiunto: “La Nazione iraniana è troppo intelligente per cadere nella trappola della cospirazione sionista”.

“Il vile omicidio del martire Mohsen Fakhrizadeh non resterà senza risposta”. E’ quanto ha scritto in un tweet, senza risparmiare accuse a Israele, il presidente della commissione Sicurezza nazionale e Politica estera del Parlamento di Teheran, Mojtaba Zonnour

Dopo l’uccisione convocata una riunione in via straordinaria del Parlamento di Teheran. Il portavoce della Commissione Sicurezza nazionale e politica estera, Abolfazl Amouei, ha fatto sapere che nelle prossime 24 ore l’Assemblea sarà convocata in via straordinaria per discutere di quanto avvenuto. Lo riporta l’agenzia iraniana Mehr.

L’uccisione dello scienziato nucleare, si assicura, non fermerà in alcun modo il programma nucleare di Teheran, che per l’attentato accusa Israele. Lo dichiara il capo dell’Organizzazione iraniana per l’energia atomica, Ali-Akbar Salehi. “Il percorso di Fakhrizadeh continuerà ora con maggiore intensità”, ha detto Salehi. Sulla stessa linea, in un tweet, il ministro iraniano della Comunicazione, Mohammad Javad Azari Jahromi: “Ricresceranno in migliaia dopo il fiore che è stato strappato”.