• Playtheone energy

  • Playtheone energy

  • Playtheone energy

Conte: “Il 2021 sarà anche l’anno del Recovery Plan” 

Conte: Il 2021 sarà anche l'anno del Recovery Plan

(Afp)

Pubblicato il: 12/12/2020 20:11

Il 2021 sarà anche l’anno del Recovery Plan“. A dirlo il premier Giuseppe Conte che, nel suo intervento a ‘Equologica’, traccia l’agenda del nuovo anno. Sarà quello “delle progettualità decisive per il futuro del Paese, quindi rivoluzione green, innovazione, digitalizzazione, investimenti in ricerca e formazione. E poi ancora infrastrutture per una nuova mobilità sostenibile, centralità della salute, attenzione all’inclusione e alla coesione territoriale”. “Non si tratta di vuoti slogan elettorali ma di una precisa agenda politica, e la mia azione è sempre stata orientata all’impegno nella riduzione del divario delle diseguaglianze sociali, alla creazione di una rete solidale per l’inclusione di tutti. E mi permetto anche di sottolineare che centrale sarà anche nel G20 il tema l’ho già ripetuto più volte dell’empowerment femminile”. “La battaglia decisiva è quella di oggi, la battaglia delle idee di chi vuole consegnare alle future generazioni un mondo diverso, un mondo migliore, e sono certo che in questa grande sfida saremo gli uni a fianco degli altri, per lavorare insieme dalla stessa parte”.

La pandemia rappresenta per tutti noi uno spartiacque, ha sottolineato senza mezzi termini anche i limiti dei nostri sistemi di vita, ha evidenziato l’acuirsi delle disparità socioeconomiche, ha evocato la necessità di ripensare integralmente i modelli idi sviluppo, ci ha costretti tutti ad assumere, nessuno escluso, la responsabilità non già di ritornare presto alla normalità di ieri ma di porre le basi per un nuovo inizio, per una rinascita culturale, sociale, politica ed anche economica”. “C’è una cosa che questa emergenza ci ricorda ogni giorno, direi, la forza delle persone che lavorano nella medesima direzione. Lo abbiamo visto nei momenti di difficoltà quando il Paese si è stretto in una grande impegno mutualistico. Lo vediamo ancora oggi, in chi si rimbocca le maniche per ripartire. In chi non cede alla frustrazione e al pessimismo. In chi non si stanca di cercare soluzioni per rimettersi in marcia” conclude.