Nessun evento trovato

Nessun evento trovato

Nessun evento trovato

Dl sicurezza, D’Incà chiede voto di fiducia: bagarre in Aula 

Dl sicurezza, D'Incà chiede voto di fiducia: bagarre in Aula

Pubblicato il: 17/12/2020 15:23

Il ministro per i Rapporti con il Parlamento Federico D’Incà chiede il voto di fiducia sul Dl sicurezza e scoppia la bagarre in Aula al Senato. A far scaturire le proteste il fatto che il ministro avrebbe chiesto il voto prima dell’inizio della discussione generale. Poco prima aveva terminato il suo intervento il relatore di minoranza Simone Pillon. La seduta è stata sospesa dal vicepresidente Ignazio La Russa.

La presidente del Senato Elisabetta Casellati l’ha successivamente riaperta per qualche secondo per comunicare la convocazione della Conferenza dei capigruppo in seguito alla bagarre. La seduta è dunque sospesa.

“D’Incà voleva tentare di porre la questione di fiducia, senza far neppure cominciare la discussione generale. Questo è fare strame, uno sfregio, del regolamento e soprattutto della democrazia” dice all’AdnKronos il senatore della Lega Pillon. “Il ministro ha preso la parola senza chiederla al presidente”, aggiunge il leghista.

Caterina Biti, senatrice del Pd, ha pubblicato su Twitter una foto di quanto accaduto in Aula. “Quando non si hanno idee se non quelle della prevaricazione e della violenza. La Lega anche oggi occupa i banchi del governo in Senato” scrive Biti.

“Sdegno in Senato. Mentre il Ministro per i Rapporti col Parlamento stava annunciando la posizione della questione di fiducia sul decreto sicurezza e immigrazione i leghisti lo hanno assalito togliendogli di mano il microfono e impedendogli di parlare – dice il dem presidente della Commissione Affari Costituzionali in Senato, Dario Parrini – Un vile atto di squadrismo parlamentare tollerato (chissà perché trattandosi di squadrismo, ma a ben pensarci si può anche immaginare il perché) dal presidente di turno Ignazio La Russa. Sdegno generale. Una cosa gravissima”.