• Playtheone energy

  • Playtheone energy

  • Playtheone energy

Spostamenti Natale, seconde case, congiunti: faq su decreto governo  

Spostamenti Natale, seconde case, congiunti: faq su decreto governo

Pubblicato il: 24/12/2020 00:15

Spostamenti a Natale, seconde case, visite ai parenti. L’Italia, oggi 24 dicembre, diventa zona rossa e entrano pienamente in vigore misure, divieti e previsti dal decreto Natale. E’ utile ricordare le risposte alle domande più comuni in base alle Faq sul sito di palazzo Chigi: il governo spiega quali sono le regole previste nel decreto di Natale, con le disposizioni per l’Italia zona rossa e arancione a seconda dei giorni.

Nelle Faq si legge che sarà possibile spostarsi in un altro comune, purché all’interno della propria regione, non solo nei giorni ‘arancioni’ ma anche in quelli ‘rossi’ durante le festività. “Nei giorni festivi e prefestivi (24, 25, 26, 27 e 31 dicembre e 1°, 2, 3, 5 e 6 gennaio) sarà possibile, una sola volta al giorno, spostarsi per fare visita a parenti o amici, anche verso altri Comuni, ma sempre e solo all’interno della stessa Regione, tra le 5 e le 22 e nel limite massimo di due persone. La persona o le due persone che si spostano potranno comunque portare con sé i figli minori di 14 anni (o altri minori di 14 anni sui quali le stesse persone esercitino la potestà genitoriale) e le persone disabili o non autosufficienti che con loro convivono”. Non ci si può spostare in un’altra regione per far visita a genitori anziani ma in buone condizioni. Diverso il caso in cui si debba dare assistenza a persone non autosufficienti in un’altra regione: “Sarà consentito anche dal 21 al 6 gennaio, anche tra comuni/regioni in aree diverse, ove non sia possibile assicurare loro la necessaria assistenza tramite altri soggetti presenti nello stesso comune/regione”. Di norma, lo spostamento è consentito ad un parente adulto. Genitori separati o affidatari invece possono spostarsi tra comuni e regioni per trascorrere le feste con figli minorenni.

Nelle Faq si fa notare che “nel periodo compreso tra il 21 dicembre 2020 e il 6 gennaio 2021, gli spostamenti di un nucleo familiare convivente verso le seconde case sono sempre consentiti, dalle 5 alle 22, all’interno della propria Regione e sempre vietati verso le altre Regioni. È consentito lo spostamento verso la seconda casa, anche se intestata a più comproprietari, di un solo nucleo familiare convivente”.

Gli spostamenti verso le seconde case in una regione diversa dalla propria sono vietati dal 21 dicembre al 6 gennaio. Nel periodo considerato, quindi, “lo spostamento dalla seconda casa al luogo di lavoro non può essere addotto come motivo giustificativo di un nuovo rientro nella seconda casa, in un’altra regione, nello stesso periodo. Quindi si potrà tornare al lavoro ma poi non si potrà rientrare nella seconda casa”.

Nei giorni ‘arancioni’ durante le festività ci si potrà spostare dai piccoli comuni sotto i 5000 abitanti e nel raggio di 30 chilometri anche se significa uscire dalla propria regione. “Nei giorni 28, 29, 30 dicembre e 4 gennaio, sarà possibile, per chi vive in un Comune fino a 5.000 abitanti, spostarsi liberamente, tra le 5.00 e le 22.00, entro i 30 km dal confine del proprio Comune (quindi eventualmente anche in un’altra Regione), con il divieto però di spostarsi verso i capoluoghi di Provincia: conseguentemente, sarà possibile anche andare a fare visita ad amici e parenti entro tali orari e ambiti territoriali” si legge nelle Faq.

Per eventuali violazioni, la sanzione applicabile è quella amministrativa, da 400 a 1.000 euro, “eventualmente aumentata fino a un terzo se la violazione avviene mediante l’utilizzo di un veicolo”.