• Playtheone energy

  • Playtheone energy

  • Playtheone energy

Scuola, l’immunologo: “Aspettare fine gennaio per riaprirla”  

Scuola, l'immunologo: Aspettare fine gennaio per riaprirla

(Afp)

Pubblicato il: 04/01/2021 13:52

Aspetterei la fine di questo mese prima di adottare una decisione che possa essere la più possibile prudente e calibrata, perché basata sulle evidenze che le prossime settimane potranno offrirci in termini di tassi di positività i quali, indipendentemente dalle varianti più o meno contagiose, continuano in Italia a restare significativamente elevati”. Lo sottolinea all’Adnkronos Salute Mauro Minelli, specialista in Immunologia clinica e Allergologia e co-coordinatore della Scuola di specializzazione medica in Scienze dalla nutrizione Dipartimento di Studi europei Jean Monnet, commentando la riapertura delle scuole prevista per il 7 gennaio.

“Se prima delle vacanze di Natale è stato sufficiente un solo contagiato in una aula scolastica nella quale erano presenti 4-5 alunni per chiudere la scuola – avverte Minelli – non è difficile immaginare quel che potrebbe accadere in classi interamente occupate da studenti in presenza”. “Fin dall’inizio avevamo ritenuto fondamentale, una volta che la campagna vaccinale fosse stata avviata – sostiene l’immunologo – la vaccinazione di due categorie professionali, certamente quella dei medici ma anche quella degli insegnanti che, in forza delle loro mansioni, rappresentano un potenziale veicolo di trasmissione del virus per larghe fasce di popolazione”.

“E avevamo anche aggiunto – prosegue – che ad animare i passaggi di una prevenzione vaccinale indispensabile per l’atteso ritorno di tutti noi alla normalità deve essere, in questo momento, un forte principio di solidarietà soprattutto fra queste categorie di operatori che sia in grado di evidenziare la grande responsabilità che essi hanno verso pazienti e studenti che a loro si affidano. I docenti, però – fa notare – al momento non sono stati considerati categoria prioritaria per la vaccinazione”.