• one live social

  • one live social

  • one live social

Covid Scozia, lockdown più rigido 

La first minister Nicola Sturgeon ha annunciato l’ulteriore rafforzamento delle misure di lockdown in Scozia per fermare la diffusione dei contagi da coronavirus. Tutti i negozi non essenziali non potranno più operare in regime di ‘click-and-collect’, il servizio che permette l’acquisto online e il ritiro in negozio, ma solo attraverso appuntamento, mentre bar e ristoranti dovranno fornire il servizio di asporto senza consentire l’ingresso nei locali ai clienti.

A partire da sabato, inoltre, sarà fuorilegge il consumo di alcolici in pubblico in tutte le ‘zone rosse’, le aziende saranno obbligate, laddove possibile, a far lavorare da casa i propri dipendenti e nelle abitazioni saranno consentiti solamente lavori di riparazione ‘essenziali’ da parte di idraulici, muratori o elettricisti. Saranno anche riviste le attuali regole, per costringere gli scozzesi a rimanere all’interno delle proprie abitazioni, a me no che non vi siano motivi “essenziali”.

“I casi sono ancora troppo alti e la nuova variante così infettiva che dobbiamo essere il più duri ed efficaci possibile per fermarne la diffusione”, ha detto Sturgeon parlando ai parlamentari scozzesi. La nuova variante del virus, ha riferito la first minister, è ora responsabile del 60 per cento dei contagi in Scozia. Le nuove misure, ha detto, sono “un mezzo necessario per raggiungere il fine”.