Nessun evento trovato

Nessun evento trovato

Nessun evento trovato

Covid, chi guarisce ha ‘protezione simile a vaccino’: studio  

(Adnkronos)

Le persone che guariscono dal coronavirus hanno un livello di protezione contro infezioni future simile a quelle di coloro che ricevono un vaccino Covid, almeno per i primi cinque mesi. Lo rivela lo studio Siren della Public Health England che esaminato quanti membri del personale del NHS nel gruppo di studio hanno contratto il virus più di una volta.

Leggi anche

È stato riscontrato che su un totale di 6.614 lavoratori, che hanno contratto il virus all’inizio del 2020, solo 44 sono risultati di nuovo positivi al coronavirus in un periodo di cinque mesi tra giugno e novembre. Secondo i ricercatori ciò significa che una precedente infezione conferisce, per almeno 20 settimane, l’83% di protezione contro la reinfezione e riduce anche la probabilità di sviluppare sintomi più gravi.

“L’immunità dà un effetto simile al vaccino Pfizer e un effetto molto migliore rispetto al vaccino AstraZeneca e questo è rassicurante per le persone. Ma crediamo che le persone potrebbero trasmettere ancora il virus e quindi vogliamo invitare alla cautela”, ha detto Susan Hopkins, consulente medico senior presso Public Health England e responsabile dello studio. Negli studi clinici, due dosi del vaccino Pfizer hanno avuto un’efficacia del 95%, rispetto al 62% di due dosi del vaccino Oxford / AstraZeneca.

I risultati mostrano inoltre che, sebbene sia improbabile che le persone vengano reinfettate subito dopo la loro prima infezione, è possibile contrarre nuovamente il virus e potenzialmente diffonderlo ad altri. “Questo studio ci ha fornito il quadro più chiaro fino ad oggi della natura della protezione anticorpale contro il Covid-19, ma è fondamentale che le persone non fraintendano questi primi risultati. Ora sappiamo che la maggior parte di coloro che hanno avuto il virus e hanno sviluppato anticorpi sono protetti dalla reinfezione, ma questo” quadro “non è totale e non sappiamo ancora quanto duri la protezione. Fondamentalmente, crediamo che le persone possano ancora essere in grado di trasmettere il virus”, ha aggiunto Hopkins.