MasterChef 10, skill test Massari sconvolge equilibri: cosa è successo  

(Adnkronos)

Sovvertiti gli equilibri, ribaltati i pronostici, la parola chiave degli episodi di MasterChef Italia di ieri è sicuramente “sorpresa”. Sia nella creazione dei piatti protagonisti delle sfide, con la creatività come ingrediente fondamentale, sia nello sviluppo della gara, con l’arrivo – sempre sorprendente ma anche temutissimo dagli aspiranti chef – di Iginio Massari. Il Maestro della pasticceria italiana è stato protagonista dello Skill Test, la prova tecnica e dunque forse più ardua. I due concorrenti che hanno dovuto togliere il grembiule sono Ilda e Igor.

Mentre continua il successo di ascolti per la trasmissione in onda su Sky Uno, già dalla Mystery Box ieri i concorrenti hanno dovuto mettersi in discussione: sulle loro tavole è apparsa ‘Sua Maestà, la pancetta’, come l’ha definita Antonino Cannavacciuolo, e la loro missione era quella di inserirla all’interno di un piatto salato o dolce, in base alla scelta compiuta da un proprio avversario in una sorta di domino. E così il piatto salato è toccato a Ilda, Cristiano, Valeria, Monir, Eduard, Azzurra, mentre quello dolce a Federica, Igor, Antonio, “Aquila”, Irene, Jia Bi, Max. Per i giudici Bruno Barbieri, Antonino Cannavacciuolo, Giorgio Locatelli i piatti migliori, alla fine, erano quelli di Cristiano (“Abbattiamo un altro muro”, lasagnette al forno con maionesi vegetali, gamberetti e pancetta su bisque di gamberi), Antonio (“Pancetta ribelle”, una pancetta glassata con lingue di gatto, ganache al cioccolato, spuma di caramello e sfere di Strega) e Max (“Tortino vesuviano”, un tortino al cioccolato con pancetta caramellata su base di cioccolato bianco e banana); a vincere è stata la “Pancetta ribelle” del 25enne dottorando in chimica alimentare di Novara.

Antonio ha così potuto sfruttare i suoi vantaggi per l’Invention Test, in occasione del quale è arrivata nella cucina di MasterChef Italia Karime Lopez, la giovane chef messicana che Massimo Bottura ha voluto alla guida della Gucci Osteria, in piazza della Signoria a Firenze, e che a nemmeno un anno dall’apertura ha guadagnato la prima stella Michelin (unica donna tra i 30 nuovi stellati italiani). I suoi piatti sono un mix di sapori provenienti da tutto il mondo, e tra questi 3 sono stati protagonisti della sfida di ieri: Antonio ha potuto assaggiarli, scoprirne i segreti prima di assegnarli ai suoi “avversari”. E così Valeria, Ilda, Igor e “Aquila” hanno dovuto replicare la Tostada di mais con palamita, un ricordo del Messico, di difficoltà medio-bassa; a Jia Bi, Monir, Azzurra e Max è toccata una razza con crema di carote arrostite, di medio-alta difficoltà, che riporta alla mente le atmosfere del Giappone; mentre Federica, Cristiano, Irene ed Eduard hanno dovuto cucinare il piatto più complesso, un petto di quaglia ripieno con cervella e lonza di vitello, lo stesso piatto che Antonio ha scelto per se stesso. Quarantacinque minuti di cucinata, tensione alle stelle, per una prova senza possibilità di appello durante la quale nel complesso gli aspiranti chef hanno fatto un buon lavoro. Tranne Ilda e Igor, i cui piatti erano carenti in alcuni procedimenti fondamentali, e a togliere il grembiule è stata proprio la libera professionista 43enne nata in Albania e ora residente a Novara. Il migliore è stato invece il piatto di Antonio, che ha utilizzato benissimo i suoi vantaggi ottenendo così la prima “doppietta” di stagione con Mystery e Invention.

Il premio conquistato con questa vittoria è stato davvero prezioso: i giudici lo hanno mandato direttamente in balconata, risparmiandolo così dallo Skill Test. Soddisfazione doppia per lui, quando ha visto spuntare sul palco il più atteso ma anche il più temuto tra gli ospiti di MasterChef Italia: Iginio Massari, “giudice” speciale della prova di pasticceria, da sempre autentico spauracchio per i concorrenti. Il suo arrivo ha gettato scompiglio nella Masterclass, ma anche provocato emozione e forte commozione: Irene, grande appassionata di pasticceria, era addirittura in lacrime. Il tema dello Skill Test erano gli involucri, e il primo livello è stato guidato e giudicato dallo stesso Massari: per lui, i concorrenti in gara hanno dovuto creare una vera sfera gourmet di cioccolato con dentro un tiramisù, con una salsa di cioccolato calda per il servizio finale. L’ostacolo peggiore, ovviamente, il temperaggio del cioccolato: eseguito da Massari è diventato un atto di vera poesia in cucina, ma quando è stato il turno dei concorrenti in molti sono caduti, tanto che l’unico capace di realizzare una sfera perfetta è stato Max, che si è preso anche i complimenti dei tre giudici e anche dell’ospite speciale: “È un ottimo dolce, il più buono che io abbia mai mangiato a MasterChef Italia”, gli ha detto Massari, prima di indicargli il percorso verso la balconata che gli garantiva l’accesso al prossimo episodio. Tutti gli altri, invece, hanno dovuto affrontare i livelli successivi dello Skill Test: nel secondo, hanno avuto a che fare con il pollo di Bresse in vescica proposto da Chef Locatelli, dove l’involucro – efficace per la perfetta cottura uniforme dei cibi – consente di cuocerne il contenuto in un liquido, mantenendo alto il tasso di umidità, senza che le pietanze entrino in contatto con il liquido di cottura; un livello, questo, che ha regalato la salvezza a Irene, Monir, Federica, Eduard ed Azzurra. Infine, nel terzo step, Chef Cannavacciuolo ha presentato ai cuochi amatoriali ancora in bilico una prova in cui dovevano usare come involucro un collo di gallina creando un piatto capace di unire tecnica, estetica e gusto. Tra “Aquila”, Jia Bi, Valeria, Cristiano e Igor, è stato quest’ultimo, 42enne vicentino direttore di coro, ad avere la peggio, abbandonando per sempre la cucina di MasterChef Italia.

Davanti ai fornelli, i concorrenti ancora in gara sono sempre meno e riescono a vedere sempre più vicino il traguardo che porterà uno di loro a diventare il decimo MasterChef italiano. Ma per conquistare il titolo dovranno mettersi in discussione e passare indenni le sfide li attendono, già a partire da giovedì 4 febbraio alle 21.15 sempre su Sky e NOW TV. I cuochi amatoriali col sogno di diventare chef dovranno ancora tirar fuori caparbietà e passione per poter proseguire il proprio percorso sotto la grande M di MasterChef Italia.