Pregliasco: “No spostamenti tra regioni, rischio varianti”  

(Adnkronos)

“Il divieto di spostamento fra Regioni”, che scadrà il prossimo 15 febbraio, “dovrebbe essere mantenuto. E’ importante andare avanti, soprattutto per evitare la diffusione delle varianti di Sars-CoV-2. E’ questo l’elemento che preoccupa. Speriamo che ci sia un coordinamento corretto per evitare pasticci”. Così all’Adnkronos Salute Fabrizio Pregliasco, virologo dell’università Statale di Milano e direttore sanitario dell’Irccs Galeazzi del capoluogo lombardo.

Leggi anche

Contro il rischio che alcune varianti di Sars-Cov-2 compromettano l’efficacia dei vaccini anti-Covid oggi disponibili, secondo Pregliasco “bisognerà a questo punto immaginare nel prossimo futuro una dose di richiamo. Un po’ come si fa con l’influenza”, contro cui ci si protegge ogni anno perché le caratteristiche dei virus responsabili si modificano nel tempo. Dopo i dati preliminari secondo cui il siero prodotto da AstraZeneca sarebbe scarsamente efficace contro la variante sudafricana del nuovo coronavirus, almeno nelle formi lievi e moderate di infezione, “la possibilità di una terza dose di richiamo andrà valutata di sicuro per questo vaccino – ritiene l’esperto – ma penso andrà pensata eventualmente anche per gli altri”.

Quanto alla sospensione annunciata dal Sudafrica, che stopperà temporaneamente l’impiego del vaccino AstraZeneca, in Italia in questo momento abbiamo solo un caso segnalato di varante sudafricana. Ma per avere un quadro più completo “è fondamentale il monitoraggio delle varianti e il sequenziamento genetico” dei campioni virali. “Un punto su cui assolutamente in Italia dovremmo lavorare di più”, ribadisce il direttore sanitario dell’Irccs Galeazzi di Milano.