Questo sito NON fa uso di cookie a fini di profilazione. Sono presenti invece cookie di terze parti per l'analisi della navigazione e l'integrazione con i social network.

OK Leggi di più
Radio Veronica
il tuo sms in diretta

HOME  PROGRAMMI  VOCI  PALINSESTO  CLASSIFICHE  PREVENDITE  GALLERY  NEWS  GIOCHI  CONTATTI
 

Adnkronos - ultima ora

13/10/2017 ore 14:43 - Nazionale - Salute

Malattie rare: Omar, al via nuovo servizio l'esperto risponde su Malattia di Fabry


Malattie rare: Omar, al via nuovo servizio l'esperto risponde su Malattia di Fabry

Roma, 13 ott. (AdnKronos Salute) - Novità per i pazienti con Malattia di Fabry. L'Osservatorio malattie rare si occupa da molti anni di questa rara patologia da accumulo lisosomiale (dovuta alla carenza dell'enzima alfa-galattosidasi A), con una intera sezione dedicata alla patologia online sul portale www.osservatoriomalattierare.it. Da oggi la sezione si arricchisce di un nuovo servizio di consulto medico online completamente gratuito dedicato ai pazienti e alle loro famiglie. Le risposte ai quesiti dei pazienti saranno curate da Sandro Feriozzi del Centro di Riferimento regionale per la nefrologia e dialisi Uoc Nefrologia e dialisi, Ospedale Belcolle di Viterbo. Il servizio è stato attivato grazie al contributo incondizionato di Amicus Therapeutics. Il suo funzionamento è estremamente semplice: collegandosi al link è possibile formulare, tramite l'apposito modulo, le domande per l'esperto. Le risposte saranno pubblicate esclusivamente online e saranno accessibili a tutti i lettori del portale. La malattia di Anderson-Fabry "è una rara patologia causata dall'accumulo dei glicosfingolipidi nei lisosomi, dovuta alla carenza dell'enzima alfa galattosidasi. Questo accumulo avviene nei tessuti ed in particolare nell'endotelio di tutti gli organi. Ne deriva una deposizione abnorme in vari distretti (renale, cardiaco e del sistema nervoso centrale) tali da compromettere qualità e aspettativa di vita. I sintomi sono dolori anche molti forti agli arti, febbre, stanchezza e intolleranza agli sforzi, al caldo e al freddo eccessivi, talvolta anche disturbi dell'udito e alla vista. Sintomi non specifici che rendono piuttosto difficile la diagnosi, che può arrivare anche in età adulta", ricorda Omar. La malattia colpisce prevalentemente i maschi: la trasmissione della malattia è ereditaria e legata al cromosoma X. Le madri, ad ogni concepimento, hanno una probabilità del 50% di trasmettere il gene difettoso ai propri figli, siano essi di sesso maschile o femminile. I padri con la malattia di Anderson-Fabry non trasmettono il gene difettoso ai propri figli maschi, ma solamente alle femmine. In funzione di un complesso meccanismo genetico noto come inattivazione del cromosoma X, i soggetti eterozigoti sviluppano la malattia in forma lieve, moderata oppure classica. In genere sono i maschi a sviluppare i sintomi in maniera più forte ma in ogni caso, anche all'interno della stessa famiglia, la malattia può presentarsi con sintomatologie ed evoluzione clinica anche molto differente. "Spesso la sintomatologia renale ? spiega Sandro Feriozzi a Osservatorio malattie rare ? insorge con una proteinuria o un'albuminuria (presenza di proteine o albumina nelle urine) in età giovanile o adulta. Può essere confusa con altre patologie renali molto più comuni, ma un nefrologo esperto, in presenza di sintomatologia correlata o di inefficacia della terapia standard, deve sospettare la malattia di Fabry. Una volta diagnosticata è necessario che il paziente sia sottoposto a una duplice terapia: la terapia enzimatica sostitutiva e il controllo dei fattori di progressione del danno renale". "La terapia sostitutiva ? continua Feriozzi ? è disponibile da circa 10 anni. Ormai è dimostrato che se iniziata tempestivamente è in grado di prevenire ulteriori danni che potrebbero tradursi, nei casi più gravi, nella necessità di dialisi. Parallelamente alla terapia sostitutiva i pazienti devono sottoporsi a controllo dei fattori di progressione del danno renale: vengono loro somministrati degli specifici inibitori in grado di ridurre la proteinuria e la pressione arteriosa, pericolose per i reni. I pazienti dovranno dunque essere sottoposti a controlli regolari e dieta iposodica, ma nella gran parte dei casi se la diagnosi è stata fatta precocemente i pazienti possono vivere una vita normale. Da quest'anno per alcuni pazienti è inoltre disponibile la terapia orale, che prevede l'assunzione di una sola capsula a giorni alterni. Una ulteriore innovazione per il miglioramento della qualità della vita di questi pazienti".


Radio Veronica One

Veronica Classic

Veronica Classic

previsioni Meteo.it

OFENBACH
Katchi (Feat. Nick Waterhouse)
U2
You're The Best Thing About Me
GIANNA NANNINI
Fenomenale
FABRI FIBRA
Stavo pensando a te
BIAGIO ANTONACCI
In mezzo al mondo
NEGRAMARO
Fino all'imbrunire
CAPAREZZA
Ti fa stare bene
FRANCESCA MICHIELIN
Vulcano
GIUSY FERRERI
L'amore mi perseguita (feat. Federico Zampaglione)
P!NK
What about us

FREQUENZE

FM 93,600 MHz Torino

FM 93,400 MHz Cuneo

FM 93,800 MHz Asti, Biella, Vercelli, Novara

FM 93,200 MHz Alba

FM 93,700 MHz Ivrea, Pont Saint Martin




WebArea

OFFICIAL PARTNERS RADIO VERONICA



massaua citiplex
adnkronos news

Radio Veronica PER LA PUBBLICITA’ SU RADIO VERONICA: MASS MEDIA COMMUNICATION

Radio Veronica One
Via Massena, 60 - 10128 Torino - Italia
Tel. (+39) 011.5812111 (+39) 011.5812111 - Fax (+39) 0115812119
E-mail: info@radioveronica.it
MASS MEDIA COMMUNICATION
© 2010/2017 Radio Veronica     chi siamo | contatti Powered by www.webarea.it