On Air Now

Coronavirus, matematico: “Pallidi ma incoraggianti segnali di discesa” 

Coronavirus, matematico: Pallidi ma incoraggianti segnali di discesa

(Fotogramma)

Pubblicato il: 24/03/2020 08:55

“I segnali di discesa sono davvero pallidi, ma le misure per contenere l’epidemia sono state poderose, sebbene dilazionate nel tempo. Ora finalmente c’è il lockdown. Se vedremo un drastico calo nei prossimi 7-8 giorni saremo fortunati“. Così Pietro Manfredi, modellista matematico delle malattie infettive dell’Università di Pisa, al Corriere della Sera.

“I dati messi a disposizione dalla Protezione civile non sono molto dettagliati quindi le informazioni che riceviamo non sono di facile interpretazione”, premette Manfredi aggiungendo che però “dobbiamo essere fiduciosi e credere che questi piccoli, timidi cambiamenti diventino ancora più accentuati nei prossimi giorni quando davvero potremo cominciare a credere di uscirne fuori”.

L’esperto, professore ordinario al Dipartimento di Economia e management, spiega: “Le misure messe in campo sono molto efficaci ma non lo sono diventate davvero dal 5 marzo, data di chiusura delle scuole. Questo provvedimento ha tagliato soltanto una parte dei contatti a rischio. Il primo colpo all’epidemia è stato dato col secondo e terzo decreto, attorno al 12 e 19 marzo, col taglio degli altri contatti, ulteriore botta il 22. Il vero lockdown è adesso. Questa azione scaglionata ha fatto sì che l’intensità dei provvedimenti sia stata progressiva ed ha spostato in avanti l’orologio. Quindi ci saremmo dovuti aspettare gli iniziali risultati non prima di 10-12 giorni, il tempo che passa dal contagio al contatto dei casi col sistema sanitario. Ci siamo. È il momento di cominciare a raccogliere. Noi italiani mettiamocela tutta. Ecco perché parlo di pallide evidenze”.

“Pallide e incoraggianti – aggiunge – proprio perché supportate da misure robuste che però si realizzano completamente solo ora. I casi per scendere devono rallentare e c’è da augurarsi che stiamo attraversando questa fase”.