Coronavirus, “test rapidi comprati in Cina non funzionano bene” 

Pubblicato da in data 25 Marzo 2020

Coronavirus, test rapidi comprati in Cina non funzionano bene

(Afp)

Pubblicato il: 26/03/2020 10:44

I test rapidi che la Spagna ha ordinato in Cina “non individuano i casi positivi come si sperava“. Sintetizzano così il problema fonti anonime che hanno partecipato alle prime prove e a cui dà voce il giornale El Pais. Non funzionano bene, sottolinea il quotidiano, riportando le conclusioni lasciate trapelare da laboratori di microbiologia delle aziende ospedaliere spagnole. I riflettori sono puntati sui test rapidi prodotti dall’azienda cinese Bioeasy di Shenzhen. “Hanno una sensibilità del 30%, quando dovrebbe superare l’80%“, scrive il giornale citando le sue fonti. E, ha detto un esperto, con “quel valore non ha senso usare questi test”.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background