Borsa: le banche spingono Piazza Affari, su Enel pesa la cedola 

Pubblicato da in data 19 Luglio 2020

Ftse Mib ancora in rialzo, spread in calo

(Fotogramma)

Pubblicato il: 20/07/2020 18:21

La speranza di un accordo sul Recovery Fund ha spinto i listini europei nella prima seduta della settimana. L’ottimismo degli operatori può fare affidamento sulle parole della presidente della Commissione von der Leyen, secondo cui si sta andando nella giusta direzione.

A Milano, dove il Ftse Mib ha segnato un rialzo dello 0,99% a 20.621,48 punti, comparto bancario sotto i riflettori dopo la notizia che Intesa Sanpaolo (+0,93%) ha incrementato l’offerta per UBI Banca (+13,68%). Per gli analisi di Equita Sim, la nuova proposta è “irrinunciabile”.

Giornata campale anche Banco BPM (+5,15%) dopo i rumor di una possibile operazione straordinaria con UniCredit (+0,48%). Secondo altri commentatori del risiko bancario potrebbe far parte anche Mps (+13,55%). Avvio di settimana particolarmente positivo anche per Atlantia (+5,42%) e Poste (+4,83%), che potrebbe partecipare alla partita per il riassetto azionario di Aspi tramite il coinvolgimento di Poste Vita.

Causa lo stacco del saldo del dividendo, Enel ha chiuso con un -1,23%. Alla luce del fatto che Enel è la prima società per capitalizzazione del listino milanese, l’operazione, stimano gli esperti, ha zavorrato il Ftse Mib di uno 0,32%.

Il calo del greggio, il Brent segna un rosso di un quarto di punto a 43 dollari al barile, ha penalizzato Eni, in rosso dello -0,15%. In particolare evidenza anche le azioni dell’AS Roma (+6,76%) dopo le indiscrezioni su una nuova offerta da 490 milioni da parte del magnate Dan Friedkin. (in collaborazione con money.it)


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background