Covid, Zangrillo: “Non credo in una seconda ondata” 

Pubblicato da in data 3 Settembre 2020

Covid, Zangrillo: Non credo in una seconda ondata

(Fotogramma)

Pubblicato il: 04/09/2020 21:40

“Non credo nella seconda ondata, dobbiamo solo applicare i criteri della sorveglianza e del controllo del territorio per riprendere a vivere”. E’ quanto ha detto il professor Alberto Zangrillo, direttore di Terapia intensiva dell’Irccs ospedale San Raffaele di Milano, che a ‘In Onda’ su La7 parla delle condizioni di Silvio Berlusconi. “Questa notte ho deciso di sottoporlo a degli accertamenti perché era diventato sintomatico. Gli ho indicato il ricovero e lui ha tentato di opporre una fiera resistenza. Ma è persona intelligente e, quindi, poi ha accettato il ricovero“. “E’ il quadro diagnostico di un paziente che ha iniziato da asintomatico e ora da sintomatico il suo quadro clinico è confortante. Meglio che ci sia tempestività e sorveglianza attenta per evitare peggioramenti, ma questo sempre”. In questo momento, confermo, “è in respirazione spontanea e tutto volge al meglio”. Quanto ai tempi del ricovero, il professore non parla del caso specifico, ma si limita a dire che “le terapie per un soggetto sintomatico prevedono che il trattamento sia di almeno 5-7 giorni“.

“Noi come italiani più che un vantaggio, abbiamo avuto un merito, quello di essere stati i migliori nel mondo occidentale” dice il professor Zangrillo. Per questo, aggiunge, “dobbiamo soprattutto ringraziare gli italiani e le misure del governo tempestive”. Parimenti dobbiamo mettere in atto tutte quelle misure che in qualche modo abbiamo programmato e promesso. “Agire con intelligenza per non spaventare gli italiani, adottando misure di tracciamento e individuazione, creando così – conclude – un sistema di tutela”.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background