Coronavirus, Boccia: “Mi pare inevitabile proroga stato emergenza” 

Pubblicato da in data 26 Settembre 2020

Coronavirus, Boccia: Mi pare inevitabile proroga stato emergenza

Immagine di repertorio (Fotogramma)

Pubblicato il: 27/09/2020 10:01

“Intanto non siamo messi come il resto dei paesi che ci circondano, infiammati dai contagi. Il lockdown generale fatto dall’Italia in primavera, è da escludere, ma nessuno ha la sfera di cristallo. Zingaretti fa bene a ribadire che se non si rispettano le regole il rischio è quello. Va ricordato a tutti che grazie al lungo lockdown, oggi siamo considerati uno dei paesi più sicuri al mondo. Quel rigoroso percorso ci consentì di rafforzare le reti sanitarie e diventare autonomi anche sulle mascherine e sui ventilatori”. Ad affermarlo, in un’intervista a ‘La Stampa’, è il ministro degli Affari regionali, Francesco Boccia precisando che in merito alla possibilità di nuove chiusure tra regioni “ora ipotizzare chiusure è sbagliato, certo dobbiamo lavorare sul rispetto rigoroso delle regole”.

Le reti di assistenza domiciliare “le stiamo rafforzando”, sottolinea Boccia, “ma sui centri Covid, sulle terapie intensive, sui protocolli e sulle organizzazioni territoriali siamo più forti che in febbraio”.

Per quanto riguarda lo stato di emergenza, Boccia spiega: “Inutile trasformare ogni cosa in una polemica. Non dovrebbe esserci il dibattito. In una pandemia ci sono più fasi: la prima di pronto intervento e la seconda di gestione dell’emergenza e ora siamo in questa fase. Che prevede procedure accelerate per varie necessità. C’è un solo presidente di regione che vorrebbe l’interruzione della proroga dello stato di emergenza? Non c’è. Faremo una discussione in parlamento, ma mi pare inevitabile la proroga”. Altrimenti, spiega, “ci sarebbe un problema delle procedure per potenziare le reti sanitarie, con il commissario che sta dando le deleghe ai governatori. Se interrompi lo stato di emergenza, blocchi i poteri straordinari che hanno i presidenti di regione. Non è difficile da capire. E lancio un appello: su questo, time out dalla propaganda, lo stato di emergenza non è la restrizione delle libertà individuali”.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background