Lopalco: “No feste e aperitivi, dopo lavoro a casa” 

Pubblicato da in data 1 Novembre 2020

Lopalco: No feste e aperitivi, dopo lavoro a casa

Immagine di repertorio (Fotogramma)

Pubblicato il: 02/11/2020 09:27

In questo nuovo Dpcm deve sicuramente esserci “una limitazione dei contatti tra le persone che non siano strettamente necessari. Bisogna limitare le aggregazioni sociali. Se facciamo il coprifuoco alle 18, poi l’aperitivo durante il fine settimana si fa alle 16. Non dobbiamo farlo proprio l’apertivo, non bisogna festeggiare in questo momento e per qualche settimana va rimandato. Bisogna davvero andare al lavoro, tornare a casa e leggersi un bel libro. Questa deve essere la vita degli italiani per le prossime 2-3 settimane”. Lo ha suggerito l’epidemiologo Pier Luigi Lopalco, assessore alla Sanità della Regione Puglia, ospite di ‘Omnibus’ su La7.

E sulla questione scuole, se tenerle aperte o chiuse: “Si può pensare di tenere aperte le scuole elementari”, ha sottolineato Lopalco.

“Durante l’estate il virus circolava pochissimo. Quello che vediamo è l’andamento naturale della pandemia perché il virus non si può cancellare dalla popolazione. Le discoteche potevano stare aperte perché non c’erano positivi, è molto semplice. C’era gente ammassata, ma non positivi. Faccio un esempio: la Puglia è stretta e lunga, il turismo ha avuto il suo boom nel Salento, il tacco d’Italia, e lì ci sono state discoteche affollate e un sacco di gente in strada. Oggi il Salento è la zona della Puglia meno colpita dalla pandemia. Quindi il problema è che le situazioni locali vanno monitorate”, ha rimarcato l’epidemiologo.

Sulla possibilità di un nuovo Dpcm in arrivo oggi, Lopalco ha sottolineato che “la paura è una pessima consigliera, viene molto velocemente e se ne va altrettanto velocemente: se dobbiamo convincere i cittadini che la situazione è seria non dobbiamo stimolare l’effetto paura ma spiegare e comunicare. In questo momento – ha aggiunto Lopalco – serve non tanto dare certezze epidemiologiche, ma economiche. Capisco che non sia facile trovare le risorse per dare i contributi a chi in questo momento non ha più un lavoro, ma oggi è questa la priorità”.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background