On Air Now
Precedente
Successivo

E’ morto Diego Armando Maradona 

E' morto Diego Armando Maradona

Pubblicato il: 25/11/2020 17:21

E’ morto Diego Armando Maradona. Il Pibe, che aveva compiuto 60 anni, è deceduto per un arresto cardiorespiratorio. Matias Morla, avvocato ed agente dell’ex calciatore, ha confermato la notizia diffusa inizialmente dal quotidiano Clarin. Maradona è morto intorno a mezzogiorno, ora locale, dopo che i medici che lo hanno assistito hanno cercato di rianimarlo senza successo.

Maradona è stato colpito da malore nella mattinata di oggi mentre si trovava nella sua casa del barrio San Andres, a Buenos Aires. All’inizio di novembre era stato operato per la rimozione di un ematoma subdurale al cervello. L’intervento, secondo le informazioni diffuse dai medici, era stato eseguito senza complicazioni.

Negli ultimi giorni di vita i familiari e l’entourage avevano notato Maradona “molto ansioso e nervoso”, motivo per cui era stata ripresa l’idea di trasferirlo per la sua riabilitazione a Cuba, dove aveva già passato alcuni anni a combattere la sua dipendenza dalla cocaina.

La Federcalcio argentina (Afa) ha confermato la notizia con un tweet nel quale ha espresso “il più profondo dolore per la scomparsa della nostra leggenda, Diego Armando Maradona. Sarai sempre nei nostri cuori”.

Maradona, dalla povertà al tetto del mondo: la storia

Maradona morto lo stesso giorno di Fidel Castro e George Best

Quando Maradona disse: “Non sto morendo, comunque ai figli non lascio niente”

E’ morto Maradona, il cordoglio della politica italiana

La notizia della improvvisa scomparsa di Diego Armando Maradona ha sconvolto il mondo del calcio italiano. Il presidente della FIGC Gabriele Gravina, per onorare la memoria del grande campione, ha disposto un minuto di raccoglimento prima dell’inizio delle gare di tutti i campionati programmate nel prossimo fine settimana.

Intanto, a Napoli, il sindaco De Magistris ha proclamato il lutto cittadino e disposto che le luci dello stadio San Paolo restino accese tutta la notte in suo ricordo. “Intitoliamo lo Stadio San Paolo a Diego Armando Maradona”, la proposta del sindaco, che in un nuovo tweet ha poi definito l’argentino “il più immenso calciatore di tutti i tempi”. “Diego – ha sottolineato De Magistris – ha fatto sognare il nostro popolo, ha riscattato Napoli con la sua genialità. Nel 2017 era divenuto nostro cittadino onorario. Diego, napoletano e argentino, ci hai donato gioia e felicità! Napoli ti ama!”.

“O re immortale, il tuo vessillo mai smetterà di sventolare”, il testo dello striscione esposto all’esterno della Curva B dello stadio dai tifosi. “E’ venuto a mancare Diego Armando Maradona, il Dio del calcio”. Firmato: “La Napoli che piange”, invece, il testo del manifesto funebre affisso sul palazzo che nei Quartieri Spagnoli “ospita” l’enorme murales di Maradona, realizzato quando il campione argentino giocava nel Napoli e recentemente restaurato. “E’ finito il calcio”, dice qualcuno, mentre dai balconi vengono esposte maglie del Napoli e del Boca Juniors.